Ott 16, 2014 - POLITICA NAZIONALE    1 Comment

il “dissidente” Walter Tocci

Nei giorni di dibattito e voto del Jobs Act il senatore “civatiano” Tocci è stato al centro di un nutrito confronto su coloro che, dall’interno del Partito Democratico, non digerivano la riforma sul lavoro del Governo Renzi.

tocci walter

Nel contesto politico (e istituzionale) in cui ci troviamo da ormai qualche anno ho apprezzato moltissimo un passaggio del senatore Tocci nella sua lettera di dimissioni: “non sono indifferente alla responsabilità di rispettare le decisioni prese dal mio partito. E neppure alla responsabilità del rapporto di fiducia tra la mia parte politica e il governo. Sono altresì consapevole che i margini di maggioranza al Senato sono piuttosto esigui e non ho alcuna intenzione di causare una crisi politica.”

Questo passaggio lo riprende anche l’editorialista Paolo Franchi sul Corriere della Sera, evidenziandolo come gesto politicamente ed intellettualmente onesto.

La vecchia usanza (a mio avviso essenziale per una qualsiasi forma associativa e organizzativa, come ad esempio un partito) di discutere nelle sedi opportune, di votare per stabilire una linea e di rispettarla nei consessi istituzionali, sembra da qualche tempo passata “di moda”.

Al netto del merito del provvedimento denominato Jobs Act – su cui tornerò a scrivere nel mio blog e che nel complesso condivido – il senatore Tocci ha mostrato una lealtà al partito autentica. Su questo piano ha dato una lezione altrettanto autorevole al suo ex candidato, nella corsa per la segreteria nazionale, Beppe Civati, il quale ha fatto mancare il suo voto sia alla fiducia per il Governo Letta che per quello successivo di Renzi, nonostante gli organismi di partito si fossero espressi in merito con una chiara decisione.

Penso che il buon Civati dovrebbe prendere nota dell’atteggiamento di Tocci e farne tesoro per il futuro.

1 Comment

  • a me risulta che Civati, dopo aver consultato i suoi elettori con un sondaggio online, abbia votato la fiducia al governo Renzi

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!