Una giornata particolare: 12-11-2011

Carissimi,

nella giornata di ieri si è svolta la Conferenza programmatica provinciale del Partito Democratico. E’ stata una giornata impegnativa, molto partecipata, e fortunamente ricca di contenuti e interventi propositivi.

Questa conferenza ha posto un quesito che interroga tutti partiti e le associazioni della nostra provincia: a fronte di una crescente riduzione di risorse come è possibile mantenere la rete di servizi sociali che abbiamo conosciuto fino ad oggi? Come è possibile attrarre maggiori investimenti sul nostro territorio? In questo scenario che cambia che ruolo avrà la Politica?

Con molta umiltà questi temi sono stati posti e ad alcuni di essi si è tentato di dare delle risposte, stimolando un dibattito con tutti gli attori della società civile, affinchè insieme si possa apportare un rinnovamento del governo locale del territorio.

Vi invito per questo a leggere il post precedente ed a scaricare, qualora vi interessasse, il documento programmatico.

Nelle ore in cui la conferenza si svolgeva il Parlamento approvava definitivamente la legge di stabilità, concludendo così l’esperienza governativa di Berlusconi e del suo governo di destra. In questa soleggiata domenica si completeranno le consultazioni tra il Presidente della Repubblica ed i gruppi politici parlamentari al fine di nominare un governo di emergenza nazionale, a guida Monti, che possa ridare credibilità al nostro Paese e compiere quelle manovre necessarie per ristabilire in nostri conti pubblici.

Questo momento rimarrà nella storia italiana come la conclusione di un’epoca, quella “berlusconiana”, che ha visto il suo inizio nel 1994 e la sua fine nel 2011. Se il nostro Paese oggi si trova a compiere scelte dolorose per tutte le fasce sociali lo deve in parte(non poco rilevante) a Berlusconi, che soltanto dal 2001 al 2011 ha governato per ben 8 anni, con maggioranze solide e robuste che gli avrebbero permesso le tante riforme, mai realizzate. Dare colpa di questo al centrosinistra, che sicuramente ha le sue responsabilità, è ingeneroso e non obiettivo.

La speranza è che oggi si possa affermare un’altra epoca, diversa da quella dell’individualismo e dell’egoismo sociale che ha imperversato negli ultimi 20 anni e che ha portato a questi esiti. Questi anni che abbiamo di fronte dovranno vedere al primo posto la parola “Noi”, dovranno quindi restituire rilevanza al concetto di comunità. Questa semplice parola dovrà allo stesso tempo essere il faro delle politiche pubbliche che le amministrazioni locali e regionali dovranno immaginare e implementare successivamente.

Concludo queste brevi riflessioni segnalandovi questi due articoli, uno di Dario Franceschini, capogruppo PD alla Camera dei Deputati, e l’altro di Pierluigi Bersani, segretario nazionale del PD.

Intervista di Repubblica a Franceschini 12-11-2011

Intervista di Repubblica a Bersani 13-11-2011

Buona domenica!

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!