Lug 10, 2011 - SVAGO    No Comments

Ho ucciso Hitler

Ieri un anziano signore di 91 anni si è spento a Roma. Questo signore si chiamava Rubino Romeo Salmonì. Nel ’44 era stato deportato nel campo di concentramento di Auschwitz perchè ebreo e fu uno dei pochi ad uscirne vivo.

Nel corso della sua vita Romeo Salmonì ha portato nelle aule scolastiche, unversitarie e non solo, le sue esperienze di vita drammatiche e le atrocità vissute sulla propria pelle, con la speranza che il ricordo potesse annientare definitivamente l’orrore di quegl’anni.

Su un uomo che, dopo la fine della guerra ed il ritorno in patria, è riuscito a lavorare e metter su una numerosa famiglia possiamo dire che ha sconfitto Hitler, ovvero quello che era il suo folle piano. Da questa riflessione egli ha scritto un libro, “Ho ucciso Hitler”, che ha presentato durante l’ultima Giornata della Memoria.

Quando persone di questo calibro se ne vanno lasciano un gran vuoto, soprattutto perchè con loro se ne vanno tutta una serie di esperienze, di racconti su quello che è stato lo sterminio di milioni di donne, bambini e uomini. A volte fa ancora più male vedere persone che, nonostante quanto raccontato, inneggiano  ai principali artefici di quelle atrocità come fossero degli eroi o delle divinità. In questi casi ci accorgiamo che il semplice gesto della “memoria” non sarà mai eccessivo.

 

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!